Sei qui: HomePRIMO PIANOImprese danneggiate dal maltempo, la Cciaa di Crotone chiede incontro urgente al governo proponendo soluzioni per sostenere i danni subiti

Imprese danneggiate dal maltempo, la Cciaa di Crotone chiede incontro urgente al governo proponendo soluzioni per sostenere i danni subiti In evidenza

Scritto da  Pubblicato in In primo piano Mercoledì, 12 Giugno 2019 16:03

alfio pugliese consiglioSpettabile le Direttore,
a seguito del consiglio camerale straordinario svoltosi lo scorso lunedì 10.06.2019 presso la sede della Metal-Carpenteria srl, avente ad oggetto i danni delle calamità naturali che hanno colpito la zona industriale, i partecipanti hanno sottoscritto un documento che trasmettiamo unitamente alla presente.
Il documento è stato inviato al Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella, al Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte, al Ministro dello Sviluppo economico Luigi Di Maio, al Ministro per il Sud Barbara Lezzi, al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli, al Presidente di Unioncamere Carlo Sangalli, con la richiesta di un incontro urgente per dare una svolta risolutiva alla problematica.
Al di là delle polemiche sollevate sui media dagli assenti all’incontro e per mero rispetto della verità, con riferimento alle dichiarazioni del Comune circa il mancato invito, cogliamo l’occasione per informarvi che il Comune è stato ufficialmente invitato all’incontro a mezzo nota Prot. nr. 3684 del 05/06/2019 inviata, tra gli altri destinatari, agli indirizzi email del sindaco del Comune di Crotone (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) e dell’Ufficio tecnico competente sul tema (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.).
Rimaniamo fortemente convinti che ciascuna istituzione debba superare le diatribe e le polemiche al fine di contribuire all’obiettivo comune della risoluzione della vicenda a vantaggio delle imprese interessate e dell’intero territorio.
Certi dell’attenzione che vorrete dare alla nota, porgiamo
Cordiali saluti

Alfio Pugliese

Presidente Cciaa Crotone

 

Il documento condiviso nella riunione del Consiglio camerale straordinario tenutosi lo scorso 6 giugno presso la sede della Metal-Carpenteria S.r.l sulla situazione delle imprese crotonesi in seguito agli eventi calamitosi del novembre 2018.
«Le imprese crotonesi – si legge nel documento –, fortemente colpite e danneggiate dagli eventi atmosferici degli ultimi mesi del 2018, sono state nuovamente devastate dall’indifferenza politica che non ha saputo concretizzare alcuna tipologia di aiuto alle aziende. L’ultima notizia è quella del mancato inserimento nel decreto crescita del provvedimento di sospensione dei tributi, nonostante le rassicurazioni del ministro per il Sud Barbara Lezzi, che, tra l’altro, ha personalmente visitato le imprese danneggiate il 05 dicembre 2018, mostrandosi disponibile ad intervenire per dare sostegno alle stesse. Non dimentichiamo il mancato riconoscimento dello Stato di Calamità da parte della Presidenza del Consiglio dei Ministri, che ha portato e porterà gravi conseguenze per il territorio, in termini di mancata assegnazione di risorse, con una forte sperequazione rispetto ad altri territori calabresi, che nelle medesime condizioni, hanno avuto il riconoscimento dello Stato. Gli imprenditori stanno facendo e hanno fatto sforzi immani per ripartire, indebitandosi e\o attingendo alle fonti interne, e noi come Camera di Commercio, non possiamo e non vogliamo lasciarli soli. La decisione di convocare un Consiglio Straordinario camerale alla presenza di tutte le associazioni imprenditoriali e sindacali è un segnale forte che la politica deve cogliere. Abbiano più volte posto l’attenzione su questo tema, convocando le imprese, facendo comunicati stampa, interessando Unioncamere nazionale per l’erogazione di un apposito fondo perequativo, ma ciò non basta, alla luce dell’indifferenza della politica che non ha dato risposte concrete. La situazione è pesante, i settori produttivi coinvolti sono vari: l’agricoltura, l’industria e il commercio, i comuni del crotonese coinvolti sono numerosi. Pertanto, la Camera di commercio con l’intento di delineare un quadro preciso delle esigenze delle imprese colpite dagli eventi calamitosi, ha chiesto ai Comuni della provincia gli elenchi delle aziende colpite da tali calamità, rientranti nella propria circoscrizione. Alla nostra richiesta hanno risposto i Comuni di Crotone, Belvedere di Spinello, Carfizzi, Cirò, Crucoli, Cutro, Isola di Capo Rizzuto, Santa Severina e Verzino, maggiormente colpiti. Sono state danneggiate circa 120 aziende del territorio e, i danni subiti sono notevoli, basti pensare che nell'intera provincia ammonterebbero a circa € 15.000.000,00; solo nel Comune di Crotone ammontano a circa 10.742.985,00 euro, con pesanti conseguenze sul fronte occupazionale. Tutto ciò, in un contesto già messo a dura prova dalle difficoltà logistiche infrastrutturali di collegamento, dalla crisi economica, dalla forte disoccupazione giovanile e da tutti quei fattori critici presenti in molti territori del Sud ma che sono accentuati a Crotone perché è stata sempre, ora ancora di più, esclusa dalla agenda delle priorità di intervento e sostegno dalla politica. Crotone non può più essere la Cenerentola in Calabria. La Camera di Commercio di Crotone è il portavoce delle istanze degli imprenditori che chiedono con determinazione e forza misure di sostegno, tra le quali: sgravi contributivi per i lavoratori; esenzioni e\o crediti di imposta per gli investimenti sostenuti per il ripristino delle attività; Fondi di garanzia per ripristinare le attività imprenditoriali danneggiate. Per dare seguito e concretezza al Consiglio camerale molto partecipato, che ha avuto la funzione di coordinare imprese, istituzioni, sindacati, ordini professionali e associazioni di categoria, si illustrano, di seguito, le proposte emerse dai vari interlocutori presenti, che hanno testimoniato e rappresentato la loro esperienza e le loro progettualità: necessità di proseguire con azioni continue, congiunte per dare voce e non abbassare mai l’attenzione sul tema oggetto del consiglio; condividere la causa legale contro le istituzioni competenti, intrapresa da alcuni imprenditori crotonesi colpiti dagli eventi calamitosi per dare più forza e incisività all’azione intrapresa; Organizzare consigli allargati presso istituzioni locali (Comune di Crotone e Provincia di Crotone) e organizzare sit in a Roma davanti ai ministeri competenti o presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri; richiedere nuovamente le agevolazioni fiscali già presentati anche con l’ausilio dell’Ordine dei Commercialisti; porre il problema all’assemblea Unioncamere Roma, per attivare un fondo perequativo ad hoc a favore delle imprese colpite, ma anche per porre l’accento e l’attenzione sui vertici nazionali di Unioncamere al fine di veicolare il grido di disperazione degli imprenditori crotonese al mondo associativo nazionale; seguire con attenzione l’evoluzione del decreto sblocca cantieri per valutare la possibilità di inserire l’argomento trattato durante il consiglio. La Cciaa di Crotone, su istanza dei partecipanti alla riunione, chiede, un incontro urgente ai destinatari in indirizzo, per portare avanti le richieste delle aziende crotonesi che hanno subito danni ingenti in seguito ai recenti eventi calamitosi».

 

 

 

Ultima modifica il Mercoledì, 12 Giugno 2019 16:19
Riceviamo e pubblichiamo

Segui le notizie del Crotone calcio su

Stadio Rosso Blu

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

laprov-tv

prima marchesato marzo

Download

 

 

 

archivio storico crotone

 

pkr cultura 2b

    • La Provincia Kr di Antonio Carella |FONDATO NEL 1994
  • Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
  • Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
    • "XXVI Edizione sul territorio crotonese"

  • DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA
  • SCRIVICI
  • email2
    • "La collaborazione è aperta a tutti ed a titolo assolutamente gratuito. Manoscritti e fotografie, anche se non pubblicati, non verranno restituiti. La responsabilità civile e penale è da imputare esclusivamente agli autori; non necessariamente la redazione di questa testata è da considerarsi in linea con gli stessi".