Italian Dutch English Russian Spanish
Sei qui: HomePRIMO PIANOIndennità a posizioni organizzative, durissimo intervento della Prefettura sull'Amministrazione per mancato rispetto dell'accordo di conciliazione

Indennità a posizioni organizzative, durissimo intervento della Prefettura sull'Amministrazione per mancato rispetto dell'accordo di conciliazione In evidenza

Scritto da  Pubblicato in In primo piano Venerdì, 16 Giugno 2017 18:35

tentativo conciliazione prefetturaDurissimo intervento della prefettura sul balletto per la procedura di conciliazione [LEGGI ARTICOLO]. Non ci sta il viceprefetto vicario, Ippolito, a far finta di niente di fronte alla nota n. 33686 del 15 giungo scorso con la quale il sindaco della città, Ugo Pugliese, ha rivisto la propria posizione rispetto a quanto scritto nel verbale della riunione di conciliazione, tenutasi in prefettura lo scorso 13 giugno. Argomento dell’incontro in prefettura era appunto il tentativo di conciliazione tra Comune e organizzazioni sindacali che avevano deciso di proclamare lo stato di agitazione e avevano chiesto la “sospensione dell’erogazione dell’indennità di posizione e di risultato” in favore delle posizioni organizzative. Dopo avere sostenuto il pagamento delle spettanze in favore delle posizioni organizzative Pugliese si era impegnato a sospendere il provvedimento. Due gironi dopo, con la nota richiamata da Ippolito, ha rivisto la propria posizione “in nome della legalità”. Un riferimento all legalità, che sicuramente non è stato condiviso da Ippolito che, in una nota inviata al sindaco, ai sindacati e ai revisori dei conti, scrive: “Si preme evidenziare che questa Prefettura, nel corso degli incontri che spesso avvengono per procedure di “raffreddamento” come quella avvenuta tra codesta amministrazione e le organizzazioni sindacali, non ha mai consentito “pretese di carattere estorsivo” a nessuno delle parti presenti al tavolo di discussione”. Nel prosieguo della lettera del vice prefetto vicario viene ribadito che l’atto di conciliazione firmato dalle parti non può essere annullato e continua ad avere validità. Per quanto riguarda, invece, la richiesta avanzata con grande determinazione dall’assessore comunale Alessia Romano di “mettere agli atti le note 32348 del 12 giugno 2017 e 3267 del 13 giungo 2017”, non è stata possibile accontentarla in quanto l’ultima delle due note non è ancora stata messa nella disponibilità della prefettura. Anche fonti sindacali sostengono di non avere mai ricevuto le due note a cui fa riferimento l’assessore Romano. Siamo solo all’inizio perché i sindacati sono pronti ad andare oltre le minacce di portare in tribunale l’attuale amministrazione comunale.

 

 

 

 

Ultima modifica il Venerdì, 16 Giugno 2017 18:49
Gaetano Megna

Segui le notizie del Crotone calcio su

www.stadiorossoblu.it

Sito web: www.laprovinciadicrotone.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi effettuare il login per inviare commenti

ROMANO 600x300 rid

bioimis 29062016

balestrieri gif

effemme box 300x250

CISL GIF

archivio storico crotone

  • GIULIANO CARELLA

    seguimi

  • ANTONIO CARELLA

    seguimi

  • MARINA VINCELLI

    seguimi

  • GIUSEPPE LIVADOTI

    seguimi

  • ROMANO PESAVENTO

    seguimi

  • REDAZIONE

    seguimi

  • RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

    seguimi

  • gaetano megna avatar

    GAETANO MEGNA

    seguimi

  • paolo pulvirenti avatar

    PAOLO PULVIRENTI

    seguimi

    • La Provincia Kr di Antonio Carella |FONDATO NEL 1994
  • Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
  • Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
    • DA 23 ANNI SUL TERRITORIO CROTONESE

  • DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA
  • SCRIVICI
  • email2
    • "La collaborazione è aperta a tutti ed a titolo assolutamente gratuito. Manoscritti e fotografie, anche se non pubblicati, non verranno restituiti. La responsabilità civile e penale è da imputare esclusivamente agli autori; non necessariamente la redazione di questa testata è da considerarsi in linea con gli stessi".