Sei qui: HomePRIMO PIANOL'EDITORIALE│Un anno fa la chiusura del Castello: altra stagione estiva e' alle porte, occorre trovare una soluzione per la fruibilita'

L'EDITORIALE│Un anno fa la chiusura del Castello: altra stagione estiva e' alle porte, occorre trovare una soluzione per la fruibilita' In evidenza

Scritto da  Pubblicato in In primo piano Martedì, 02 Aprile 2019 09:06

castello carloV2Un anno fa è stato chiuso il castello Carlo V e non si fanno, almeno per il momento, ipotesi per la sua riapertura. Il castello è stato chiuso da un’ordinanza del sindaco di Crotone, Ugo Pugliese, in seguito ad una denuncia pubblica presentata dalla senatrice pentastellata Margherita Corrado, che richiama alla mente la famosa “maestrina con la penna rossa” del Libro cuore. La senatrice “maestrina” chiese la verifica della presenza di Tenorm nell’area estrema del castello. Le analisi confermarono il sospetto e il sindaco ha emanato l’ordinanza di chiusura del maniero. In un anno di chiusura, non sono stati fatti passi avanti per la riapertura al pubblico del monumento. Sono stati fatti i carotaggi, che hanno confermato la presenza del Tenorm e le analisi da parte dell’Arpacal che, invece, non hanno rilevato la presenza in quantità pericolosa del terribile gas radon. Nonostante la presenza del Tenorm nel castello non c’è il rischio di ammalarsi di cancro. D’altra parte, se la casistica ha un qualche valore, c’è da dire che a nessuno dei dipendenti del Comune (quattro presenze alla biblioteca e quattro al museo) che hanno prestato la loro attività all’interno del castello sia stata, sino ad oggi, diagnosticata una qualsiasi malattia riconducibile all’esposizione del radon o del Tenorm. Alcuni di questi lavoratori (una ventina negli ultimi 23 anni) sono stati presenti, nei turni di lavoro, 40 ore la settimana. Una bella esposizione, durata per diversi di loro 23 anni, che sicuramente avrebbe inciso sullo stato di salute. Nessuno di loro, per fortuna, si è ammalato di cancro, una malattia che miete continuamente vittime in tutta la città e nella sua provincia. Non sono morti legati al Tenorm e al gas radon presente nel castello perché altrimenti, tra i lavoratori che hanno prestato l’attività nel monumento, qualche caso doveva essersi verificato. Il problema, quindi, in questo periodo dell’anno che avvia la stagione estiva e l’arrivo dei turisti è quello di trovare una soluzione per riaprire il monumento al pubblico. Ora non serve a questa città e ai suoi cittadini sapere chi ha sbagliato e che cosa doveva essere fatto prima. E’ il momento di mettere insieme le forze per riaprire il maniero senza dimenticare che c’è da trovare la soluzione definitiva alla presenza del Tenorm. Una soluzione che deve essere indicata dai tecnici in base alla disponibilità economica che c’è. L’errore più grosso, in questo, momento sarebbe quello di arroccarsi sulle questioni di principio.

 

 

Ultima modifica il Martedì, 02 Aprile 2019 12:52
Gaetano Megna

Segui le notizie del Crotone calcio su

www.stadiorossoblu.it

Sito web: www.laprovinciadicrotone.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

laprov-tv

prima marchesato marzo

Download

 

 

 

archivio storico crotone

 

pkr cultura 2b

    • La Provincia Kr di Antonio Carella |FONDATO NEL 1994
  • Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
  • Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
    • "XXVI Edizione sul territorio crotonese"

  • DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA
  • SCRIVICI
  • email2
    • "La collaborazione è aperta a tutti ed a titolo assolutamente gratuito. Manoscritti e fotografie, anche se non pubblicati, non verranno restituiti. La responsabilità civile e penale è da imputare esclusivamente agli autori; non necessariamente la redazione di questa testata è da considerarsi in linea con gli stessi".