Mercoledì, 15 Luglio 2020

PRIMO PIANO NEWS

L'ultimo giorno di Pugliese da sindaco: in corso la riunione di giunta nella quale formalizzera' le dimissioni

Posted On Mercoledì, 13 Novembre 2019 12:43 Scritto da Redazione

È in corso la riunione della giunta comunale convocata dal sindaco di Crotone Ugo Pugliese per formalizzare le sue dimissioni dagli incarichi istituzionali (è anche presidente della Provincia) dopo il coinvolgimento nell’inchiesta sull’affidamento in gestione della piscina olimpionica comunale al consorzio Daippo.

Il sindaco Pugliese, dopo la revoca del divieto di dimora da parte del gip, ha ottenuto ieri il ritiro della sospensiva dall’incarico (previsto in questi cadi dalla Legge Severino). Nullaosta, questo, ottenuto ieri dal prefetto sulla base di quanto dichiarato al gip nel corso dell’interrogatorio di garanzia nel quale Pugliese ha chiesto di potersi difendere da «sindaco in carica» e non già da «sindaco sospeso». Ieri, il sindaco Pugliese, ha quindi convocato i componenti della giunta che non avrebbe sentito da quando l’8 novembre scorso era scattato per lui il divieto di dimora.

Nel frattempo, sempre ieri, la Prossima Crotone si è riunita nel quartier generale di via Firenze, dove l’aria sarebbe stata ovviamente molto tesa, con i leader politici della coalizione avvolti da profonde incertezze sul futuro.

Con le dimissioni del sindaco, infatti, cade automaticamente anche il consiglio comunale, anche se la legge prevede 20 giorni perché, queste, siano realmente attuabili.

Sarà nel frattempo il vicesindaco Benedetto Proto a fare da facente funzioni, dopo di che entrerà in gioco il commissario prefettizio che gestirà l’Ente fino a nuove elezioni (non assolvibili prima della primavera 2020). Presentando le dimissioni da sindaco, Pugliese decade automaticamente anche da presidente della Provincia e quindi anche presso l’Ente di secondo livello bisognerà convocare nuove elezioni. È questa la giornata più lunga di Ugo Pugliese che, dopo tre anni alla guida del Comune di Crotone, si trova a lasciare l’investitura popolare dietro la pesante onta subìta dell’inchiesta giudiziaria della piscina e dalla quale si difenderà da privato cittadino.