fbpx
Giovedì, 18 Luglio 2024

PRIMO PIANO NEWS

Nuova ''tegola'' su Akrea, l'autorita' garante contesta l'affidamento in-house

Posted On Giovedì, 07 Marzo 2024 20:46 Scritto da

«L'Autorità garante della concorrenza e del mercato ha espresso rilievi sulla delibera di Consiglio comunale dello scorso dicembre con la quale il Consiglio stesso ha approvato la scelta della modalità di gestione del servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti solidi urbani, servizio di igiene urbana e di raccolta differenziata con l'affidamento in house ad Akrea». Lo rende noto un comunicato diffuso dall'Amministrazione comunale di Crotone.

 

 

Nel parere viene contestata, sulla base degli atti a disposizione, la sussistenza dei requisiti per derogare al principio della concorrenza attraverso l'affidamento diretto alla società partecipata.
L'Ente ha da oggi sessanta giorni di tempo per le proprie deduzioni al fine di superare i rilievi esposti dall'Autorità. Laddove a seguito del riscontro dell'ente i rilievi non dovessero essere superati, l'autorità garante avrà 30 giorni di tempo per adire il tribunale amministrativo regionale.
A seguito della ricezione del provvedimento, l'amministrazione e gli uffici comunali hanno incontrato, questa sera, tempestivamente il cda della società, stabilendo da subito un percorso comune.
All'esito della riunione il sindaco Voce e il presidente del cda Padula dichiarano: «L'autorità garante ha effettuato una valutazione sulla scelta di ricorrere all'in-house providing ritenendola distorsiva della concorrenza sia in base ai presupposti economico-finanziari, sia in base agli aspetti qualitativi del servizio. È ora necessario offrire ogni deduzione necessaria a comprovare la sussistenza dei requisiti per l'affidamento diretto, alla luce dei concreti risultati dal nuovo management anche in termini di incremento dei livelli di raccolta differenziata e di risanamento dei conti. Laddove l'autorità dovesse ritenere non superate le criticità, ci costituiremo nel giudizio che eventualmente l'autorità dovesse promuovere. Alla luce di tale novità il rapporto con la società proseguirà comunque regolarmente in regime di proroga tecnica fino alla definizione della vicenda amministrativa».