Martedì, 22 Settembre 2020

PRIMO PIANO NEWS

Si ingarbuglia sempre più la vicenda dell'aeroporto: domani Oliverio vola a Dublino per incontrare i vertici Ryanair

Posted On Mercoledì, 01 Febbraio 2017 18:18 Scritto da

oliverio pugliese assemblea sagas aeroportoSi ingarbuglia sempre di più la vicenda dell’aeroporto di Crotone: l’assemblea dei soci, tenutasi ieri sera, non ha deciso nulla. Prima di procedere, infatti, è necessario capire cosa intende fare l’Enac rispetto alla sentenza del Tribunale amministrativo regionale della Calabria, che ha accolto il ricorso della Sagas, società nata per la gestione dello scalo crotonese, ed ha annullato il bando dell’Ente nazionale aviazione civile finalizzato ad individuare il gestore a cui assegnare per i prossimi 30 anni l’attività dell’aeroporto. Prima di prendere la decisione bisogna capire se l’Enac presenterà ricorso contro la sentenza del Tar al Consiglio di Stato. Si fermano le bocce, ma la Sagas probabilmente avrebbe potuto dichiarare di rinunciare agli effetti della sentenza del Tar. La rinuncia si giustificherebbe con l’interesse pubblico rappresentato dalla scelta di un gestore per riaprire l’aeroporto. In questa vicenda si sta perdendo tantissimo tempo e l’aeroporto continua a restare chiuso e con il passare dei giorni la situazione diventa più difficile e i danni prodotti all’area dell’Alto Ionio sono enormi e la prossima estate saranno ancora più evidenti. Tra le cose strane, di difficile comprensione, c’è anche la questione che la Sagas avrebbe potuto sfruttare articolo 120 comma 9 del processo amministrativo che consente al ricorrente di chiedere al Tar l’emanazione immediata del dispositivo, rinviando la motivazione ai tempi necessari del Tribunale. La seduta si è tenuta il 16 dicembre scorso e la sentenza è stata resa pubblica il 19 gennaio. Si è perso un mese nell’attesa. Perché la Sagas non ha sfruttato i dettami dell’articolo 120 comma 9? E’ un mistero, così come è velato di mistero tutto ciò che sta succedendo dal 1 novembre scorso, quando l’aeroporto è stato chiuso per non avere chiesto l’esercizio provvisorio. Esercizio provvisorio che potrebbe essere l’ultima chance per riaprire lo scalo qualche giorno prima dell’arrivo della stagione estiva, anche se questa scelta potrebbe avere molti punti interrogativi. Per ottenere l’esercizio provvisorio occorre chiederlo alla curatela fallimentare che, a sua volta, presenterebbe istanza all’Enac. Che farebbe l’Enac dopo avere subito lo smacco di una sentenza? A questa domanda non c’è una risposta facile. A questo punto toccherebbe alla politica intervenire sull’Enac. Sulla vicenda dell’aeroporto ci sono stati attacchi ed accuse nei confronti dei rappresentanti della politica che potrebbe incidere sulla decisione dell’Enac. Sulla vicenda dell’aeroporto stiamo dimostrando il volto vero del territorio: litigiosità e interessi di parte. L’aeroporto resta chiuso e per riaprirlo ci sono tante incognite anche se domani mattina il governatore Oliverio vola (da Lamezia Terme) a Dublino per incontrare i vertici di Ryanair.