Sei qui: HomePRIMO PIANOSospeso il primario di Chirurgia del San Giovanni di Dio. Il dg Arena: «Incrinata comunicazione e rapporti all’interno dell'Unità operativa»

Sospeso il primario di Chirurgia del San Giovanni di Dio. Il dg Arena: «Incrinata comunicazione e rapporti all’interno dell'Unità operativa» In evidenza

Scritto da  Pubblicato in In primo piano Venerdì, 29 Dicembre 2017 10:56

asp crotone ilgranaioIl direttore generale dell’Asp di Crotone, Sergio Arena, ha sospeso il primario di Chirurgia del San Giovanni di Dio, Giuseppe Brisinda. La direzione generale dell’Asp pitagorica ha spiegato in un comunicato le ragioni del provvedimento, legato a contrasti interni sorti sulla gestione del reparto. «A tutela della giusta informazione – scrive il dg Sergio Arena – e onde evitare malintesi ed ogni eventuale strumentalizzazione di sorta. Considerate le varie comunicazioni pervenute, si è ritenuto che all’interno della Unità operativa di Chirurgia l’equilibrio di comunicazione, necessario a garantire le prestazioni proprie delle attività del reparto, si è incrinato. In data 27 dicembre 2017 si è dovuto adottare un provvedimento di sospensione cautelare temporanea delle funzioni del direttore dell’unità operativa complessa di Chirurgia».

Redazione

Uffici e Redazione

88900 CROTONE (KR) - Via San Francesco, 6 Pal.8 - Tel. 0962.1920909

 

Segui le notizie del Crotone calcio su

Stadio RossoBlu

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

laprov-tv

prima marchesato marzo

Download

 

 

 

archivio storico crotone

 

pkr cultura 2b

    • La Provincia Kr di Antonio Carella |FONDATO NEL 1994
  • Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
  • Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
    • "XXVI Edizione sul territorio crotonese"

  • DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA
  • SCRIVICI
  • email2
    • "La collaborazione è aperta a tutti ed a titolo assolutamente gratuito. Manoscritti e fotografie, anche se non pubblicati, non verranno restituiti. La responsabilità civile e penale è da imputare esclusivamente agli autori; non necessariamente la redazione di questa testata è da considerarsi in linea con gli stessi".