fbpx
Lunedì, 17 Giugno 2024

PRIMO PIANO NEWS

CROTONE La Polizia locale di Crotone ha deferito alla Procura della Repubblica due soggetti che si sarebbero resi responsabili dell’asportazione di alcuni cartelli di segnaletica stradale nella centralissima via Torino.

 

Pubblicato in Cronaca

CROTONE Quella della guardia costiera libica era un'operazione di salvataggio «insussistente» e quindi «nessuna condotta ostativa è riscontrabile» nei riguardi della Humanity 1 «la quale, in tale, contesto, e' risultata l'unica imbarcazione ad intervenire per adempiere, nel senso riconosciuto dalle fonti internazionali, al dovere di soccorso in mare dei migranti».

 

Pubblicato in In primo piano

CROTONE La sezione civile del Tribunale di Crotone ha rigettato la richiesta di Sorical, la Società di ricorse idriche calabresi controllata dalla Regione, di fallimento di Congesi, il consorzio di comuni crotonesi che gestisce le reti idriche in 14 centri della provincia.

 

Pubblicato in In primo piano

CROTONE Una condanna a 12 anni di reclusione per concorso morale in tentato omicidio: è quella chiesta dal pubblico ministero Pasquale Festa a conclusione della sua requisitoria nel processo che si sta celebrando davanti al Tribunale di Crotone a carico di Anna Perugino, la 42enne accusata di aver organizzato la spedizione punitiva nella quale rimase vittima Davide Ferrerio.

Pubblicato in Cronaca

«Si è conclusa pochi giorni fa, davanti al gip del Tribunale di Catanzaro, la vicenda penale che ha visto coinvolto il legale catanzarese, accusato dall'Aterp Calabria e dal suo ex commissario straordinario avv. Paolo Petrolo di diffamazione a mezzo stampa per aver pubblicato su quotidiani locali ed attraverso la propria pagina Facebook dichiarazioni ritenute dai querelanti lesive dell'immagine dell'ente pubblico regionale e del suo commissario pro tempore». È quanto rende noto l'avvocato catanzarese Gian Paolo Stanizzi. Di seguito i fatti.

Pubblicato in Calabria

Anche ai docenti precari spetta il bonus di 500 euro all'anno previsto dalla legge 107/2015, meglio conosciuta come Buona scuola. Lo ha stabilito, con una sentenza che costituisce un precedente giuridico, il giudice del lavoro del Tribunale di Crotone, Salvatore Marino' che ha riconosciuto ad un insegnante precario il bonus di 500 euro all'anno previsto dalla cosiddetta Carta del docente.

 

Pubblicato in In primo piano
Pagina 1 di 10