Martedì, 22 Settembre 2020

PRIMO PIANO NEWS

Nel "Primo rapporto sulle agevolazioni di natura fiscale e contributiva in favore delle Pmi localizzate nelle Zone franche Urbane" a cura del ministero dello Sviluppo Economico, si rileva un basso livello di utilizzo delle imprese beneficiarie nel comune di Crotone delle agevolazioni concesse sulla Zfu. L'agenzia Crotone sviluppo ha fornito alcuni dati sullo stato in un convegno svolto al Comune nella scorsa settimana.

 

Per quanto riguarda le agevolazioni concesse complessivamente, le imprese beneficiarie delle agevolazioni sono state 686. Le somme accordate ammontano a circa 9.814.146,79 di euro. Dai dati si evince che le agevolazioni richieste dalle imprese (pari complessivamente a circa 126 milioni di euro) sono state di gran lunga superiori rispetto alle risorse effettivamente concesse: queste ultime hanno "coperto", complessivamente, solo l' 8% delle agevolazioni richieste. Inoltre, l'agevolazione media concessa oscilla tra i 14.306,34 euro con un massimo di 15.605,90 e un minimo di 3.868,78 euro.


DATI RELATIVI ALLE AGEVOLAZIONI FRUITE.
I dati relativi alle agevolazioni fruite evidenziano un significativo numero di imprese che non hanno ancora fruito delle agevolazioni concesse. Più precisamente, al 31 luglio 2015, 231 imprese (il 34%) non hanno fruito, neppure in parte, delle agevolazioni concesse. In merito, invece, all'importo dell'agevolazione non fruita la percentuale risulta più significativa: è pari al 71% (6.9410769,40 di euro). Circa il numero di imprese per range di fruizione:
- il 28% delle imprese ha un range di fruizione non superiore al 25%;
- il 12% delle imprese ha un range di fruizione compreso fra il 25% ed il 50%;
- il 7% delle imprese ha un range di fruizione compreso fra il 50% ed il 75%;
- il 19% delle imprese ha un range di fruizione compreso fra il 75% ed il 100%.

 

RISCHI AL VAGLIO DEL MISE.
L'esclusione nel nuovo bando per quelle imprese che, alla data di presentazione della domanda, abbiano fatto registrare una percentuale di fruizione inferiore ad un determinato valore prestabilito. Si potrebbe inoltre verificare la revoca parziale delle agevolazioni qualora l'impresa, a cinque anni dalla data di concessione delle agevolazioni, si trovi in ritardo con le fruizioni delle agevolazioni rispetto alle attese.

AZIONI NECESSARIE.
Accelerazione della spesa e interlocuzione con il Mise per una rimodulazione delle risorse che preveda l'introduzione, per tutte le imprese localizzate all'interno della ZFfu di un criterio di riparto delle risorse disponibili, che tenga conto della "capienza" fiscale e contributiva delle imprese richiedenti.


SERVIZI OFFERTI DA CROTONE SVILUPPO.
Sportello informativo e tecnico presso Crotone Sviluppo a sostegno delle imprese e dei consulenti fiscali sulle modalità di fruizione delle agevolazioni; cicli di incontri formativi con consulenti fiscali e/o imprese; comunicati stampa e news; vademecum operativi per la fruizione delle agevolazioni mediante F24. Ai fini di concertare i suggerimenti da inviare al Mise in vista dell'emanazione del prossimo bando si terranno incontri con le parti sociali, le imprese, le associazioni di categorie, i consulenti fiscali e del lavoro, per una visione totalmente condivisa.

 

 

 

Pubblicato in In primo piano
Pagina 4 di 4