fbpx
Lunedì, 17 Giugno 2024

PRIMO PIANO NEWS

«Abbiamo letto l'impennata d'orgoglio del sindaco (Vincenzo Voce, ndr) al quale mi verrebbe da rispondere, in continuità con il concetto espresso, che lui invece ha potuto avvalersi dei progetti e delle iniziative assunte dal sindaco Pugliese». È quanto scrive in una nota Mario Galea per "Italia Viva-Popolari liberali riformisti Kr".

Pubblicato in Politica

esami maturità«Cari ragazzi – scrive il sindaco di Crotone Ugo Pugliese –, alla vigilia di un giorno importante per tutti voi che vi apprestate a sostenere l'esame di maturità, consentitemi un saluto ed un incoraggiamento che faccio più da papà che da sindaco. So che questi giorni di vigilia sono stati per voi di forte intensità emotiva e sono certo, tornando indietro con la memoria e pensando al mio esame di maturità, che questa prima prova la vivrete con grande apprensione, con emozione, con il cuore che va a mille. E' giusto ed è naturale che sia così. Questo è un giorno che segna un passaggio importante nella vostra vita. Non vivetelo come un ostacolo da superare. Per voi deve essere una opportunità di crescita e di confronto con la vita che vi attende, con il futuro che è vostro, che vi appartiene. Ho avuto in questi anni il piacere di conoscere personalmente molti di voi grazie al felice dialogo continuo che abbiamo instaurato e che personalmente mi ha arricchito grazie al vostro entusiasmo e la vostra creatività. Creatività ed entusiasmo che vi invito a mettere anche in questa prima prova, trasferendo sul foglio bianco i vostri pensieri più belli e profondi. Impadronitevi delle parole, siatene i detentori assoluti, fatele vostre, dategli il giusto significato, arricchitele con la vostra personalità. Le vostre parole, i vostri pensieri, come il futuro, vi appartengono. In bocca al lupo, cari ragazzi, sono con voi. Lo sarò sempre».

 

 

Pubblicato in In primo piano

marrelli hospital entrataIl sindaco di Crotone, Ugo Pugliese, ha chiesto al presidente della Regione, Mario Oliverio, di convocare con urgenza l'incontro gia' richiesto dalla consigliera regionale, Flora Sculco, "per esaminare la grave situazione che nuovamente e' venuta a determinarsi nella sanita' privata a seguito dell'ennesima decisione penalizzante adottata dal commissario Scura. Non posso restare indifferente - dichiara il sindaco Pugliese - al grido di allarme lanciato dai laboratori calabresi e crotonesi e dal comitato "Marrelli Hospital", una struttura questa che sta rivivendo incubi che pensavamo oramai superati e dimenticati. Non e' sopportabile - conclude Pugliese - che ripetutamente e ciclicamente si colpiscano settori importanti e vitali non solo dell'economia della citta' e della provincia, ma strategici e fondamentali per la popolazione, visto la capacita' di incidenza che queste attivita' hanno sulla qualita' della vita e sulla salute dei cittadini. Proprio per questo - conclude - mi convinco sempre di piu' che le aziende private che operano nel settore della sanita' non possono e non debbano essere lasciate sole, ma vanno sostenute dall'intera comunita' cittadina e provinciale".
"Ancora una volta ci troviamo di fronte all'ennesima iniziativa negativa e dannosa nei confronti del Marrelli Hospital e della rete dei 'laboratori' presenti sul nostro territorio e nell'intera Calabria, da parte del commissario Scura". A dirlo e' il capogruppo di Calabria in Rete Flora Sculco che aggiunge: "Sono, questi, atteggiamenti ricorrenti che, piu' che promuovere azioni di riordino e di risanamento del sistema sanitario calabrese, provocano, invece, ulteriori danni con gravi conseguenze economiche e occupazionali alle aziende e ai lavoratori. Cio' vale sia per la rete dei laboratori che, in questi giorni, in tutta la Calabria, hanno alzato al massimo livello la protesta e l'indignazione per le decisioni del commissario Scura, e soprattutto ed in particolar modo, per il Marrelli Hospital. Proprio lunedi' scorso, in contemporanea a Lamezia Terme, si svolgeva una manifestazione regionale della rete dei laboratori e a Crotone si assisteva ad un'assemblea pubblica presso il Marrelli Hospital, partecipata da centinaia di lavoratori e dalle rappresentanze sociali, politiche e istituzionali. Tutto questo - aggiunge Sculco - e' il segno evidente di un disagio e di un malessere profondo e diffuso che viene avvertito non solo dagli 'addetti ai lavori', ma viene percepito anche dall'intera comunita' regionale e nel caso del Marrelli Hospital, dall'intera citta' di Crotone e dalla popolazione della provincia". Sculco sottolinea che "per il Marrelli Hospital, in particolar modo, non si tratta di semplice 'vertenza' economica, quanto piuttosto di attacco mirato e ricorrente ad una struttura sanitaria che, fin dalla sua nascita, si e' dedicata ad elevare lo standard qualitativo della sanita' crotonese e calabrese. Bisogna ricordare, ancora una volta, che il Marrelli Hospital si e' dedicato ad attivita' di eccellenza, in un corretto e virtuoso rapporto con il sistema pubblico, offrendo un contributo di straordinario valore al problema principale che presenta il sistema sanitario regionale. Ovvero, la piaga della emigrazione sanitaria che pesa sulle tasche dei calabresi per 300 milioni di euro l'anno, che vanno a rimpinguare le casse e i profitti della sanita' del nord troppo spesso per cure che si potrebbero ottenere in Calabria, cosi' come il Marrelli Hospital ha dimostrato in questo periodo". "In questo senso - sottolinea Flora Sculco - non si spiega 'l'accanimento terapeutico' perpetuato dal commissario Scura ai danni di questa struttura che, invece, dovrebbe semplicemente essere aiutata, sostenuta e incentivata perche' costituisce una speranza di una sanita' migliore a Crotone e in Calabria. Mi azzardo a dire, e senza paura di smentita, che, se ci fosse un sistema premiante nella sanita' calabrese mirato a ridurre il deficit ed in particolar modo quello derivante dall'emigrazione sanitaria, il Marrelli Hospital otterrebbe senza alcun sforzo le risorse economiche necessarie per sviluppare ulteriormente la propria encomiabile e altamente professionale attivita'". Per Sculco "una visione, invece, ragionieristica, mirata e protesa a realizzare solo tagli lineari, indiscriminati e nocivi, non fa altro che mantenere in una condizione di 'arretratezza' tutto il nostro sistema sanitario, il livello e la qualita' delle prestazioni, spingendo i calabresi a cercare risposte alle proprie esigenze di salute fuori dalla nostra regione. Tutto questo - rileva il capogruppo di Calabria in rete- e' inaccettabile e va sottoposto a profonda valutazione e riflessione, per invertire una rotta ed una politica sbagliata, che perdura ormai da troppo tempo senza nemmeno realizzare gli obiettivi prioritari che riguardano in primo luogo e senza se e senza ma, la salute dei calabresi. Rotta e politica che, come testimoniano le indagini e le statistiche dell'Istat, proprio per questa ragione, ma anche per la difficile situazione economica e sociale vissuta da una parte consistente della popolazione, hanno ridotto le attese di vita dei calabresi di due anni. Basta questo a destare una preoccupazione ed un allarme che non possono essere ignorati e dovrebbe indurre gli attuali e 'solitari e estranei' gestori della sanita' calabrese a modificare i loro atteggiamenti e a evitare di produrre ulteriori e irreparabili danni. Forte di queste ragioni - conclude Flora Sculco- non risparmiero' alcuna energia e mettero' in campo tutto l'impegno necessario, in concertazione con i lavoratori e l'intera comunita', al fine di assicurare stabilita' e prospettive di sviluppo sia alla rete dei laboratori e ancora di piu' al Marrelli Hospital".

 

 

 

Pubblicato in In primo piano

pugliese stanzaA tre giorni dalla scadenza per la presentazione delle candidature a presidente della Provincia di Crotone, si lavora da una parte e dell’altra per cercare di fare sintesi su una candidatura unitaria. Questa mattina il segretario provinciale del Pd, Gino Murgi, ha convocato i sindaci dem del territorio, i consiglieri comunali d’area e la segretaria cittadina Antonella Stefanizzi. L’idea comune è quella di aprire un dialogo con i Demokratici, forza politica di maggioranza alla Provincia, per trovare un accordo. Ecco perché già domani tra le due fazioni ci sarà un accordo per arrivare alla soluzione. Tra Comuni sciolti per mafia e commissariati, ma anche in ragione delle imminenti scadenze di mandato, sono solo 8 i sindaci del territorio che potranno concorrere alla carica di presidente. Assieme a Ugo Pugliese, sindaco della città capoluogo, sono candidabili i primi cittadini di Cutro (Salvatore Di Vuono), di Cirò (Francesco Paletta), di Rocca di Neto (Tommaso Blandino), di Pallagorio (Umberto Lorecchio), di Cotronei (Nicola Belcastro), di Santa Severina (Lucio Giordano) e di Roccabernarda (Nicola Bilotta). Se in un primo momento, la maggioranza aveva pensato al sindaco di Cutro per la candidatura, nel weekend sono cambiate le carte in tavola e potrebbe essere il sindaco di Crotone Ugo Pugliese a mettersi a disposizione.

 

 

 

Pubblicato in Politica

sculco oliverioProve tecniche d'avvicinamento. Se in casa propria il movimento dei Demokratici continua a dover affrontare subbugli politici, gli animi sembrano invece essersi rasserenati a livello regionale nei rapporti col presidente Mario Oliverio. È previsto per questa sera alle 18, infatti, un incontro a San Giovanni in Fiore tra una delegazione composta dalla consigliera regionale Flora Sculco e il sindaco Ugo Pugliese e il governatore Oliverio. Scopo del summit istituzionale è quello di per fare il punto sulla situazione di Crotone. Nel corso dell'incontro, il sindaco Pugliese illustrerà quali sono le azioni messe in campo dalla sua amministrazione per risollevare le sorti socio-economiche della città e, al contempo, tenterà di concordare nuove azioni strategiche da porre in essere col sostegno della Regione. Il tutto dovrebbe essere poi cristallizzato in un convegno pubblico di prossima organizzazione nella città pitagorica. Appuntamento, questo, cui dovrebbe prendere parte anche il presidente della giunta regionale Oliverio, assieme agli organizzatori Ugo Pugliese, Flora Sculco e tutti rappresentanti della maggioranza al Comune di Crotone. Al di là dei buoni intenti e (si spera) del fruttuoso confronto istituzionale, sembra proprio che tra il presidente Oliverio e l'area Sculco sia scoppiata la pace. Non proprio. Il confronto a muso duro tra le due parti è esploso pubblicamente qualche mese dopo le elezioni (quelle del novembre 2016) e ha prodotto non pochi danni, sia livello politico, che per l'attività amministrativa di Crotone. Il 2018 è ormai alle porte e una nuova competizione elettorale è in procinto di scuotere il Paese. Allora, più che sottoforma di pace, questo avvicinamento, è da leggersi come armistizio. A nessuno conviene farsi del male, né tantomeno avere nemici quando l'urna scotta.

 

 

 

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Pubblicato in Politica

pugliese aeroporto"Cogliamo con interesse i segnali di vivacita' che giungono dalla Sacal. Infatti, proprio in queste ultime ore apprendiamo la pubblicazione dei bandi per l'affitto degli spazi commerciali e dell'utilizzo degli spazi pubblicitari, unita all'assegnazione del bando per la pulizia e dei servizi di sicurezza, attivita' queste propedeutiche e indispensabili alla riapertura dell'aerostazione Pitagora". Lo afferma il sindaco di Crotone, Ugo Pugliese. "Queste iniziative fanno seguito - aggiunge - all'annuncio solennemente pronunciato dal presidente di Sacal, Arturo De Felice, e ancor di piu' dal governatore della Calabria, Mario Oliverio, della riapertura dell'aeroporto di Crotone nel mese di novembre e, finalmente, della conseguente ripresa dell'attivita' volativa. Vorrei ricordare che in tutti questi mesi, ho sempre ritenuto la riapertura dell'aeroporto dello Jonio come un obiettivo piu' che prioritario quanto indispensabile per il futuro della nostra citta' e a questo risultato abbiamo dedicato ogni nostro impegno. Tra l'altro sottolineo, ancora una volta, la nostra ferma e decisa volonta' di mettere a disposizione ogni strumento e quant'altro fosse necessario pur di assicurare ai crotonesi di poter volare da e per Crotone". "Abbiamo auspicato da sempre - sottolinea il primo cittadino crotonese - che per la tutela, il rilancio e il potenziamento di questa strategica e fondamentale infrastruttura per l'area ionica e per l'intera Calabria, era ed e' necessario fare squadra e realizzare sinergie tra tutti i soggetti protagonisti. Non posso che evidenziare che questa condizione si sta realizzando e che vada ulteriormente rinforzata. I passi da noi compiuti fino ad oggi sono sempre stati dentro una visione ampia e inquadrati nel sistema regionale dei trasporti, con particolare riguardo al piano dei trasporti e al sistema aeroportuale calabrese. Tutto cio' dimostra che ogni riferimento a vicende giudiziarie non ha nulla a che vedere e non ha alcuna influenza, e né tantomeno puo' costituire alibi per chicchessia, poiche' Enac ha attribuito a Sacal la responsabilita' e l'obbligo di realizzare la piena efficienza e la piu' completa ripresa delle attivita' di tutti e tre gli aeroporti calabresi. Ovviamente, restiamo in attesa di conoscere meglio e piu' in dettaglio le compagnie interessate all'aeroporto di Crotone e la programmazione dell'attivita' volativa, cio' per offrire ai cittadini dell'intera fascia ionica - conclude Pugliese - una esauriente informazione attesa da tempo".

Pubblicato in In primo piano
Pagina 1 di 16