Domenica, 12 Luglio 2020

PRIMO PIANO NEWS

pugliese stanza2«Lo avevo detto che il 2019 sarebbe stato un anno decisivo per la città e, in particolare, questa estate si sarebbe caratterizzata come un periodo da sottolineare nella storia di Crotone: è appena arrivato sulla mia scrivania il decreto del ministero dell'Ambiente che autorizza Syndial ad avviare i cantieri per la messa in sicurezza delle discariche a mare». Lo rende noto Ugo Pugliese, sindaco di Crotone attraverso la pagina ufficiale Facebook dell’Ente.
«Attività propedeutica – spiega il sindaco – alla rimozione della cosiddetta "passeggiata degli innamorati", una vergogna che da anni segna il destino della nostra comunità. Un monumento al mancato sviluppo, contro la vivibilità ambientale che sara' abbattuto. Lo abbiamo fortemente voluto con un impegno costante, senza mai risparmiarci. Non è un caso che ho voluto seguire personalmente la delega all'ambiente. Ho fatto la spola tra Roma e Crotone continuamente perché ritenevo e ritengo la mancata bonifica un macigno che soffocava la nostra città. Ma anche le montagne più impervie si scalano quando le intenzioni positive supportano l'impresa. E' stata dura la scalata, irta di ostacoli di varia natura. Ma ce l'abbiamo fatta. La città ha raggiunto questo traguardo atteso vent'anni. Adesso è importante serrare le fila. Camminare insieme su questo percorso che sembrava impercorribile. Ora non è più tempo di sterili polemiche. È tempo di bonifica. È tempo di guardare con positività al futuro. Camminiamo insieme, dunque, tutti insieme cittadini, movimenti, associazioni e rappresentanti istituzionali su questo percorso».

 

 

 

 

 

Pubblicato in In primo piano

pugliese stanza«Leggo i rilievi – scrive il sindaco di Crotone, Ugo Pugliese – formulati dal segretario provinciale Uil-Fpl, Gaetano Papaleo, tra l'altro dipendente del Comune. Dopo circa trent'anni, si verifica un’immissione consistente di personale nel nostro Ente. Una situazione che non si registrava da anni e che, per decisione di questa amministrazione, non di altre, oggi si attiva. Dai primi giorni di giugno verrà immesso in servizio nuovo personale. Nel 2019 saranno 68 le nuove assunzioni di diverse categorie professionali. Tra queste 17 istruttori amministrativi, 6 assistenti sociali, 18 istruttori direttivi, 5 istruttori direttivi tecnici, 5 istruttori tecnici – geometra, 5 esecutori e 10 agenti di polizia municipale ai quali si aggiunge il nuovo comandante del corpo di polizia municipale. Nel 2020 saranno assunte ulteriori 6 unità, altri 5 agenti di polizia municipale e uno specialista di attività di vigilanza di polizia municipale, mentre il quadro delle assunzioni di completerà nel 2021 con l'assunzione di nuovi quattro dirigenti. Il segretario della Uil-Fpl trascura il fatto che, mentre nel passato non si è voluto mai investire sul personale preferendo dirottare fondi per fare altro, questa amministrazione ha fortemente voluto l'approvazione di un piano triennale che prevede l'assunzione di decine di persone, sbloccando, tra l'altro, anche graduatorie di concorsi già effettuati in precedenza. Non rileva, il segretario della Uil-Fpl, che siamo stati e siamo assoggettati alle deliberazioni della Corte dei Conti che hanno rallentato un percorso che avevamo già avviato e che, approvato il bilancio, troverà il suo naturale sbocco con le assunzioni. Per quanto attiene le posizioni organizzative non credo sia necessario ribadire che siamo sempre disponibili, e lo siamo sempre stati, al dialogo con i sindacati e che anche questa fase avrà il suo corso nel rispetto della legge e della meritocrazia, fermo restando che sono i dirigenti demandati all'organizzazione specifica».

 

 

 

Pubblicato in In primo piano

pugliese famiglia«Cari concittadini – scrive il sindaco di Crotone Ugo Pugliese –, in occasione della Pasqua invio a tutti voi i più sinceri auguri. Lo faccio, come è mio costume, con parole semplici ma profondamente sentite. Il richiamo fondamentale di queste festività è quello della pace. Un valore assoluto che va ricercato ogni giorno, nel rapporto con gli altri ma, anche e soprattutto, con sé stessi. So che nel contesto sociale nel quale viviamo, non mi riferisco solo a quello crotonese, è una ricerca difficile, irta di ostacoli sia morali che materiali.
Tuttavia è proprio interrogando noi stessi, chiedendoci cosa possiamo fare noi per gli altri e non gli altri per noi che possiamo cominciare a trovare risposte ai nostri interrogativi. La pace è quella condizione che ci consente di aspirare ad altri importanti valori. E non ci può essere convivenza civile se non partendo dal singolo contributo che ciascuno di noi può dare.
Un contributo che deve arrivare ogni giorno nella famiglia, nel lavoro, nella scuola, nel rispetto e nella tutela dell'ambiente che ci circonda e che ci aiuta a costruire, insieme, un rapporto nuovo e solidale di cittadinanza. I conflitti interpersonali, le contrapposizioni non aiutano nessuno, sono un freno al senso di comunità senza il quale si resta pericolosamente indietro.
Io per primo, come sindaco, mi interrogo ogni giorno in questo senso e mi impegno ricercando il dialogo con tutti, anche con chi pregiudizialmente non è disposto a discutere. Lo faccio, caparbiamente, nell'interesse esclusivo della mia e nostra città. Il dialogo come le parole sono importanti. Spesso vengono utilizzate per ferire inutilmente ed aggiungo gratuitamente.
Qualche volta anche le mie sono state fraintese, tagliate e sminuzzate a seconda dell'interesse di parte. Ma vi assicuro che, proprio per l'amore che porto per la città, ogni parola è stata esclusivamente pronunciata nell'interesse di Crotone e dei suoi cittadini. Auspico di ascoltarne altre e da altri indirizzate nello stesso senso.
Questo è tempo di auguri, tuttavia non posso nascondere a tutti voi che l'impegno profuso ed il dialogo istituzionale intrapreso, in questi anni, ha portato risultati importanti che vanno dall'avvio, reale, della bonifica, all'Antica Kroton, per passare alla messa in sicurezza della città, alla depurazione, ad un dato da troppi trascurato e che invece è indicativo di quello che è stato messo in campo e certificato dall'Obi, Osservatorio banche ed impresa: nei prossimi anni mentre tutte le province meridionali saranno a crescita zero solo due, Matera e Crotone, registrano un incremento in termini di sviluppo economico.
Questo per lo specifico impegno in termini di risorse che sono state portate sul territorio attraverso la nostra programmazione. Auspico, dunque, che questo sentimento di pace, alla ricerca della quale tutti siamo impegnati, arrivi profondo in questi giorni nelle vostre case, nelle famiglie.
Un augurio particolare alle Forze dell'ordine, al personale sanitario, agli addetti ai servizi di emergenza, ai volontari, agli operatori economici e a tutti coloro che durante questi giorni di festività saranno a vario titolo impegnati a garantire i servizi pubblici essenziali e la sicurezza.
A quanti sono ricoverati presso gli Ospedali e le strutture sanitarie affinché in questi giorni non si sentano soli. Ai crotonesi che vivono fuori città e che orgogliosamente sentono le proprie radici. Ai giovani, agli studenti. Dialogando con loro mi arricchisco sempre di più. Auguri di Buona Pasqua a tutte le famiglie crotonesi. Un augurio sincero, di cuore, anche da parte di mia moglie Francesca e dei miei figli Alfio e Luca».

 

 

 

 

 

Pubblicato in Politica

ordini professionali amministrazione comunaleEgregio signor sindaco,
utilizziamo lo strumento della lettera aperta per portare alla Sua attenzione la preoccupazione che, in qualità di rappresentanti degli Ingegneri del territorio, abbiamo sul futuro della nostra città. La ringraziamo per la sua apertura e per l’accoglienza che ci ha riservato negli incontri che si sono tenuti nella casa comunale con lei ed il suo staff, fino a qualche tempo fa, ai quali, purtroppo, non è seguito l’auspicato coinvolgimento nelle scelte strategiche della città. Ci aspettavamo, così come concordato, l’istituzione di tavoli tecnici per dare supporto volontario all’amministrazione comunale ed al contempo essere informati per poter dare il nostro contributo sulle importanti questioni della città. Abbiamo richiesto più volte, anche ufficialmente, notizie sul progetto Antica Kroton, ma nulla è mai pervenuto al nostro Ordine professionale; abbiamo sollecitato l’istituzione di un fondo rotativo per la progettazione ed anche questo, quando sembrava quasi concretizzato, è svanito nel nulla.


Il nostro obiettivo, signor sindaco, è il suo obiettivo: Crotone, una città moderna, bella e creativa, che sappia riportare in primo piano le tante energie ed i grandi valori di cui è caratterizzata. Registrare una mancata o scarsa partecipazione ai bandi regionali, nazionali e comunitari, portando a casa solo poche briciole rispetto a quanto si potrebbe fare, è un duro colpo non solo per la nostra economia, ma soprattutto è uno svilimento della nostra categoria professionale che è sempre pronta a supportare l’attività amministrativa ed a fornire la propria progettualità per attrarre nuovi investimenti. Riteniamo da sempre che le soluzioni ai problemi della città debbano essere trovate insieme.


Ammodernare la nostra città, è sempre stata una delle sue più ricorrenti affermazioni, ma questo significa soprattutto garantire il suo buon funzionamento e questo avviene quando si creano le giuste condizioni affinché le imprese ed i professionisti possano operare, quindi rimuovendo ostacoli ed inefficienze che complicano la vita degli stessi. A questo proposito un ruolo determinante è giocato dagli uffici comunali che devono essere efficienti. Attualmente assistiamo a veri e propri colli di bottiglia in quelli che dovrebbero essere i settori nevralgici comunali: settore urbanistica e settore lavori pubblici, il primo senza assessore ed entrambi diretti da un unico dirigente che si occupa anche del settore ambiente, sottosettore di quello dei lavori pubblici, ma non per questo meno importante, anzi nella nostra città è più importante degli altri.


Il lavoro della struttura attuale è encomiabile, ma a tratti emergenziale, poiché svolto con un organico ridotto, per la maggior parte prossimo alla pensione. Ci domandiamo se, oltre ad un continuo e lento rallentamento, tra poco assisteremo ad una vera e propria paralisi delle attività dei settori tecnici, dovuta allo svuotamento degli uffici comunali a seguito dei prossimi pensionamenti. Questo, signor sindaco, ci preoccupa molto. Occorre trovare una soluzione, ed anche qui, se coinvolti, saremo ben lieti di fornire le nostre proposte ed il nostro contributo per evitare che si inceppi da subito la macchina amministrativa.


Fare diventare Crotone una città moderna, signor sindaco, significa qualificare la sua identità ed in questo un ruolo determinante è giocato dagli strumenti di pianificazione territoriale, in particolare il Piano strutturale comunale. Sul Psc sono stati fatti numerosi incontri ed il nostro Ordine professionale ha anche fornito un valido contributo trasmesso ufficialmente a supporto delle attività, ma l’iter è stato bloccato di netto, pertanto da gennaio attendiamo comunicazioni in merito alla ripresa delle procedure previsto dalla Legge. Anche qui, i ritardi potrebbero determinare la perdita di occasioni di sviluppo che il territorio non può permettersi. Aprirsi alle professionalità degli Ordini tecnici, che all’interno sono strutturati in commissioni che funzionano e che possono dare un contributo fattivo in proposte migliorative e soluzioni, può coadiuvare l’attività amministrativa.


Nel ricordarle gli impegni presi nei confronti della nostra categoria, le ribadiamo che la nostra disponibilità pertanto non è da intendersi limitata solo ad un confronto costruttivo con l’Amministrazione, ma è estesa alla creazione di una rete di collaborazione territoriale stabile, da svolgersi nelle sedi istituzionali opportune, volta a creare condizioni di sviluppo concrete per la città.

 

 

 

 

Pubblicato in Politica

pugliese barbuto bandiere«A seguito di quanto emerso ieri sulla stampa in relazione all'aeroporto di Crotone questa mattina il sindaco Ugo Pugliese ha incontrato l'onorevole Elisabetta Barbuto». Lo rende noto un comunicato del Comune di Crotone.
«Il primo cittadino e la parlamentare crotonese – informa la nota – hanno voluto immediatamente condividere la problematica emersa relativa allo scalo Sant’ Anna che concordemente ritengono infrastruttura fondamentale per il territorio crotonese. Nel corso dell'incontro il sindaco, manifestando la legittima preoccupazione per quanto evidenziato dagli organi di stampa ha richiamato la necessità di fare squadra su un tema che riguarda tutta la comunità crotonese, la sua provincia ed una ampia fascia dei comuni ionici. L'onorevole Barbuto ha rassicurato che il Governo pone grande attenzione sullo scalo come rappresentato dal ministro delle Infrastrutture Toninelli in occasione della sua visita in città. Il sindaco nel ringraziare l'onorevole Barbuto di aver raccolto il suo invito ha rappresentato l'impegno e lo sforzo anche in termini finanziari che l'amministrazione ha sostenuto e sosterrà in futuro per garantire nel passato la sopravvivenza e successivamente lo sviluppo dell'aeroporto infrastrutture strategica che il sindaco considera vitale e centrale nell'attività amministrativa. Impegno finalizzato anche ad incentivare la presenza di nuovi collegamenti proprio in considerazione dell'importanza che lo scalo riveste per lo sviluppo del crotonese e dell'intera fascia ionica».

 

 

 

Pubblicato in In primo piano

lavori papaniciaro insegna«Dalle parole ai fatti. In pochi mesi recuperati 23 anni di parole: i lavori di realizzazione delle vasche di laminazione sul torrente Papaniciaro». Lo scrive Ugo Pugliese, sindaco di Crotone, in una nota. «Un'opera che la città – prosegue – attendeva da tempo e rappresenta un fattore importante in termini di sicurezza per il territorio. Il dialogo positivo costruito con la Regione Calabria, anche attraverso l'intervento specifico della consigliera Regionale Flora Sculco, ha portato alla definizione di un percorso che oggi si concretizza attraverso l'apertura del cantiere.
La nostra programmazione è stata da sempre orientata a intensificare la sicurezza della nostra popolazione e molti interventi sono stati già realizzati in tale direzione. La realizzazione della vasca di laminazione del torrente Papaniciaro, a cura della Regione Calabria, è un altro importante tassello che si inserisce pienamente nel percorso.
Dopo ventitré anni si va verso il completamento del piano Versace e ci siamo mossi proprio in questo senso, per recuperare il troppo tempo trascorso, affinché si possa arrivare finalmente alla definizione dello stesso.
Il finanziamento di oltre undici milioni di euro che è stato messo a disposizione dalla Regione Calabria consente di poter realizzare la vasca per la sistemazione idraulica del torrente Papaniciaro, che, sostanzialmente, mette in sicurezza quartieri della città ad alta densità abitativa.
E c'è un valore aggiunto in questo intervento: questi lavori consentono alla ditta esecutrice di poter reintegrare personale in cassa integrazione che presterà la propria opera per la salvaguardia della cittadinanza e del territorio».

 

 

 

Pubblicato in Politica
Pagina 6 di 22