fbpx
Giovedì, 18 Luglio 2024

PRIMO PIANO NEWS

Vertenza Abramo, Riga scrive al prefetto di Crotone: «Convocare le parti»

Posted On Martedì, 18 Luglio 2023 19:19 Scritto da

Una richiesta di convocazione relativa alla vertenza aziendale dell’Abramo customer care è stata inviata dal capogruppo di Azione al consiglio comunale di Crotone, Salvatore Riga, all'indirizzo del pretto Franca Ferraro.

 

«A distanza di più di un mese, dal mio intervento in merito alla vertenza dell’Abramo Customer Care - spiega il consigliere -, in cui chiedevo all’Amministrazione comunale la convocazione del Tavolo di garanzia presso il Comune di Crotone, richiesta purtroppo inevasa. Oggi rivolgo al Prefetto il mio appello, per la riconvocazione del Tavolo come già avvenuto a giugno 2022».
«Le preoccupazioni delle “Parti sociali” - auspica Riga - devono destare la massima attenzione, prima che sia troppo tardi. Diversi gli scenari che nell’immediato potrebbero configurarsi a svantaggio dei lavoratori e delle loro famiglie. Oggi serve concretamente un intervento urgente rispetto alle richieste dei sindacati, i soli rimasti a difesa del perimetro occupazionale».

LA LETTERA AL PREFETTO «In qualità di consigliere comunale presso il Comune di Crotone - esordisce Riga -, scrivo la presente per rendermi portavoce delle istanze relative alla vertenza aziendale dell’Abramo Customer Care, che desta molta preoccupazione tra i lavoratori e le comunità cittadine coinvolte. Dopo oltre un anno di amministrazione straordinaria, purtroppo non si registrano sostanziali progressi che possano incoraggiare i lavoratori e le loro famiglie».
«I commissari giudiziali - sottolinea il consigliere di Azione - avrebbero dovuto trovare un acquirente a cui cedere l’intero asset. A complicare l’operazione di salvataggio, come denunciano da alcuni mesi le parti sociali, è la diminuzione del lavoro da parte dell’unico committente: Tim Spa. Tale stato di cose produrrà un’inevitabile riduzione dei flussi di cassa, incidendo sulla capacità finanziaria, con conseguenziale difficoltà nel sostenere i costi operativi e, in particolar modo, il pagamento degli stipendi; con la possibilità, non remota, di una riduzione della forza lavoro», avverte riga.
«Inoltre - aggiunge il consiglierie -, il rating negativo dell’azienda impedisce ai lavoratori di accedere al credito, aumentando l’esposizione al rischio usura. Il quadro desolante che si prospetta deve preoccuparci tutti, in quanto penalizzerebbe ulteriormente i territori coinvolti, già provati da elevati tassi di disoccupazione. Non possiamo permetterci emorragie di redditi da lavoro; tanto meno assistere a un ulteriore calo demografico dei territori coinvolti, determinato da emigrazione indotta da motivi di lavoro».
«A tale scopo - conclude Riga -, ad un anno circa dal tavolo tenuto presso gli uffici della Prefettura di Crotone, La pregherei di riconvocare la riunione, invitando il Presidente della Regione Calabria, i commissari giudiziali oggi in carica presso l’azienda ed i sindacati di categoria».