Martedì, 22 Settembre 2020

SPORT NEWS

L’avventura delle italiane in Champions League (2019-2020) dopo la quarta giornata

Posted On Martedì, 29 Ottobre 2019 00:18 Scritto da Redazione

Quando siamo alla quarta giornata della Champions League 2019-2020, appare utile ed interessante tracciare un primo bilancio del percorso finora seguito dalle quattro compagini italiane impegnate nel più importante torneo calcistico europeo per squadre di club.

La situazione delle lombarde

Se è vero che le attenzioni degli addetti ai lavori e la curiosità degli appassionati erano tutte puntate sull'Atalanta, è altrettanto vero che i ragazzi di mister Gasperini hanno deluso le aspettative della vigilia. La Dea, alla prima esperienza assoluta nella rassegna continentale, ha dovuto ben presto fare i conti con la pressione dell'esordio e con un sorteggio non amico che ha inserito Zapata e compagni in un girone composto esclusivamente da squadre vincitrici dei rispettivi campionati nazionali. I bergamaschi, dopo la netta debacle dell'esordio nel catino di Zagabria, la beffa subita al 95esimo minuto in casa contro lo Shakhtar Donetsk e la netta sconfitta per 5-1 contro il Manchester City, si ritrovano quasi esclusi dalla lotta per l'accesso agli ottavi di finale. Rimanendo nella stessa regione e continuando a parlare dei medesimi colori sociali, giova soffermarsi sulla situazione dell'Inter, il cui inizio in salita è parzialmente giustificato dalla consistenza del girone, considerato tra i più ostici e tecnicamente validi della competizione. Se la sconfitta al Camp Nou era ampiamente preventivabile anche in considerazione del fatto che il Barcellona è secondo le scommesse Champions League e le quote sul calcio una delle favorite alla vittoria finale, meno prevedibile era lo stop interno subito per mano dello Slavia Praga, squadra sicuramente spigolosa ed arcigna ma di caratura nettamente inferiore ai milanesi. La vittoria interna per 2-0 contro il Borussia Dortmund ha tuttavia dato nuovo vigore alle speranze dei nerazzurri in ordine al passaggio del turno, obiettivo che oggi sembra essere decisamente alla portata della squadra di Conte.

L’avventura di Juventus e Napoli

Le altre due formazioni italiane impegnate in Champions hanno vissuto un avvio positivo che ha portato in dote ad entrambe quattro punti nelle prime due giornate. Per quanto concerne la nuova Juve di Sarri, il cartello dei lavori in corso che pareva fare bella mostra di sé nelle prime gare di campionato ha subito lasciato il posto ad una squadra determinata e caparbia, padrona del campo ed in grado di dettare legge per gran parte del match giocato in casa dell’Atlético Madrid. La vittoria in rimonta contro la Lokomotiv Mosca potrebbe aver chiuso il discorso qualificazione ed offerto alla Vecchia Signora la possibilità di giocarsi il primo posto del girone nella super sfida contro la squadra di Simeone, prevista per il prossimo 26 novembre allo Stadium. Anche all'ombra del Vesuvio, ad ogni modo, le cose sembrano essersi avviate per il verso giusto anche se i facili entusiasmi conseguenti alla vittoria dell'esordio ai danni del Liverpool avevano lasciato spazio ai molti dubbi per la prova incolore in Belgio contro il Genk. Grazie alla vittoria esterna sul campo del Salisburgo, i partenopei hanno tuttavia già messo in cassaforte punti pesanti in ottica superamento del turno, ma tutto dipenderà dalla continuità di rendimento dei giocatori più rappresentativi della squadra azzurra e dall'equilibrio del turnover adottato da mister Ancelotti.

Tra alti e bassi appare plausibile sperare nella qualificazione alla fase ad eliminazione diretta di almeno tre delle quattro squadre in gioco: un obiettivo alla portata che potrebbe rappresentare il punto di partenza per il rilancio del calcio italiano in ottica continentale.