fbpx
Giovedì, 18 Luglio 2024

SPORT NEWS

Quarta e ultima giornata di grande vela giovanile internazionale a Crotone per la Bper Crotone carnival race 2024, con la partecipazione di ben 320 veliste e velisti della classe Optimist provenienti da 7 nazioni. La nona edizione ha segnato anche il record di presenze, il modo migliore per guardare all’edizione del decennale nel 2025.

 

Pubblicato in Sport

CROTONE Otto nazioni presenti per un totale di 320 atleti, di cui 266 juniores (i timonieri nati dal 2008 al 2013) e 54 cadetti (nati dal 2014 al 2015). Sono questi i numeri che accompagnano la IX edizione della “Bper international carnival race 2024”, l’appuntamento che si svolgerà a Crotone dal 9 al 13 febbraio per i teenagers del Mediterraneo.

 

Pubblicato in Sport

Si è chiusa nel migliore dei modi la VIII edizione della Bper Banca international carnival race 2023 a Crotone, con l’ennesima giornata di sole, vento da sud entrato stabile alle ore 11 di intensità intorno ai 10 nodi con qualche oscillazione, mare calmo, un po’ di corrente che ha visto inizialmente alcuni richiami generali perché molte barche erano oltre la linea.

Pubblicato in Sport

Vela ai massimi livelli nazionali, europei e mondiali ma anche spettacolo, musica, sfilate di carnevale, enogastronomia, eventi culturali che coinvolgeranno tutta la città. È il programma della VIII edizione della Bper Banca Crotone International Carnival Race presentato questa mattina nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta nella Sala Consiliare.

Pubblicato in In primo piano

«Le vele sono spiegate – informa una nota del Club velico di Crotone –, gli atleti sono già in città: la capitale della vela giovanile è ormai pronta per la Bper Crotone International Carnival Race 2020».

Pubblicato in Sport

carnival race diabete«Il sindaco Ugo Pugliese – informa una nota – con l'assessore Giuseppe Frisenda e l'assessore Sabrina Gentile hanno partecipato all'iniziativa di sensibilizzazione "Gente da mare. Promuovere per prevenire, conoscere per ridurre" che si è tenuta presso il Club Velico.
Dal 2 al 10 marzo il personale del servizio Diabetologia dell'Azienza sanitaria provinciale di Crotone guidato dal dottor Salvatore Pacenza ha promosso, in occasione delle regate della International Carnival Race, un percorso che si occupa di promuovere un corretto stile di vita basato su una salutare alimentazione e su una adeguata attività fisica per prevenire una malattia subdola come il diabete
In questi giorni l'equipe medica guidata ha effettuato centinaia di test gratuiti attraverso glucometri per la determinazione capillare della glicemia atti alla prevenzione del diabete. Anche il sindaco Pugliese e gli assessori hanno effettuato il test presso gli stand allestiti sul porto turistico di Crotone. La prevenzione ed un corretto stile di vita sono fondamentali contro una malattia subdola che colpisce anche molti giovani.
Che il diabete sia una malattia diffusa lo dimostrano i numeri: la Federazione Internazionale del Diabete stima che oggi nel mondo ci sono oltre 450 milioni di diabetici. In Italia la prevalenza del diabete è del 5,7% mentre la Calabria presenta una percentuale di 8 ogni cento abitanti.
L'iniziativa promossa intende essere pioniera di un percorso itinerante che, lungo le vie del mare, tocchi i numerosi porti che vedono impegnati tutti i club velici italiani veicolando il messaggio della prevenzione affinché "gente da mare" diventi "gente d'amare" inteso come prendersi cura di sé.
Nei quattro stand è stato allestito un vero e proprio percorso che ha visto la partecipazione attiva di personale sanitario ed anche di sportivi di varie discipline che si sono avvalsi dell'ausilio di vari mezzi informativi.
Uno spazio specifico è stato dedicato alla compilazione di questionari, atti a valutare il rischio di insorgenza del diabete, e alla misurazione della glicemia capillare mediante glucometri. Il personale del reparto di pediatria dell'Ospedale di Crotone ha approfondito gli aspetti legati al diabete di tipo 1 (giovanile).
E' stato anche trattato il diabete di tipo 2 e le complicanze croniche affinché dalla conoscenza si passi alla riduzione delle stesse attraverso un corretto compenso glico-metabolico».

 

 

 

Pubblicato in Attualita'
Pagina 1 di 2