fbpx
Venerdì, 21 Giugno 2024

CALABRIA NEWS

Bonifica, Pd Crotone lancia raccolta firme per spedire fuori regione i veleni (VIDEO)

Posted On Sabato, 06 Aprile 2024 18:55 Scritto da

CROTONE «La questione della bonifica dell'area industriale di Crotone è al centro del dibattito politico cittadino e si caratterizza per una apertura all'uniformità d'intenti da parte di tutte le forze politiche». È quanto riferisce una nota della federeazione provinciale del Pd in merito all'assemblea pubblica, molto partecipata, svolta ieri nella sala consiliare del Comune di Crotone.

 

 

Assieme al segretario provinciale Leo Barberio e l'omologa cittadina Annagiulia Caiazza, hanno preso parte al tavolo della presidenza i consiglieri regionali Raffaele Mammoliti e Mimmo Bevacqua e la dirigente dem Carolina Girasole e Luigi Talarico. Tra il pubblico anche l'ex parlamentare Elisabetta Barbuto.
«Nell'assemblea pubblica organizzata dal Partito democratico - prosegue la nota del Pd -, ad esempio, sono stati presenti diversi esponenti di forze civiche, di altri partiti e di sindacati e società civile per dire un secco no al deposito delle scorie in Calabria e per il rispetto dell'accordo preso nel 2019 con la giunta guidata dal centrosinistra.
Il segretario di federazione del Pd della provincia di Crotone Leo Barberio è intervenuto durante l'assemblea proponendo una raccolta firme senza simboli di partito che unisca l'intero panorama politico in una lotta di civiltà.

«Nel 2019, la giunta regionale guidata dal Pd - ha detto Barberio - era riuscita a trovare un accordo con Eni per il trasferimento delle scorie in discariche specializzate situate fuori dalla regione. Tuttavia, è emerso recentemente - ha proseguito Barberio - che circa un mese fa Eni Rewind (società del gruppo Eni che è stata incaricata di realizzare la bonifica) ha richiesto al Mase l'organizzazione di una nuova conferenza dei servizi e ha dichiarato, per bocca del suo amministratore delegato, che non esistono discariche pronte per ospitare le scorie e quindi si deve valutare di costruire una nuova discarica sul territorio calabrese. È imperativo che i soggetti coinvolti facciano chiarezza sulle loro intenzioni e ascoltino attentamente le preoccupazioni espresse dai cittadini e dagli operatori locali. Durante l'assemblea di Federazione, tenutasi a Crotone, abbiamo raccolto le voci della comunità (di maggioranza e opposizione), che ha espresso un netto rifiuto all'idea dello smaltimento dei rifiuti all'interno della regione».
Infine la proposta di raccolta firme: «In linea con questa ferma opposizione, avvieremo una campagna di raccolta firme, senza simboli di partito, per sottolineare la nostra posizione nei confronti delle autorità competenti. Pertanto, invito tutte le forze politiche locali a unirsi a noi in un fronte comune, al fine di assicurare il rispetto degli accordi precedentemente stabiliti».


Servizio di Giuseppe Livadoti